Cos’è la contribuzione

Per ulteriori
informazioni chiedere a:
  • Ufficio del personale della propria azienda;
  • Rappresentanze sindacali del personale;
  • Call center del Fondo

La contribuzione al Fondo ha cadenza mensile, decorre dal mese successivo a quello dell’iscrizione, e si compone di 3 voci, previste dagli accordi istitutivi

  • quota aderente
  • quota azienda
  • quota del TFR

Le percentuali minime di contribuzione previste sono riportate nella  Nota Informativa sia per i lavoratori con CCNL del settore elettrico (versione “standard” e versione “light”) sia per quelli con CCNL del settore petrolio e Gas-Acqua. Le aziende, inoltre, attraverso la contrattazione interna, possono prevedere condizioni di maggior favore come nel caso del contratto elettrico, ove alla quota in capo all’azienda va aggiunto un contributo ulteriore di € 17 mensili (Euro 11 nel caso di versione “light). In più è anche prevista la possibilità, su base volontaria da parte dei singoli aderenti, di destinare al Fondo alcune voci della retribuzione come ad esempio gli importi relativi agli scatti di anzianità in corso di maturazione e, ai sensi della Legge di Stabilità del 2017, gli importi relativi al premio di produttività, usufruendo della piena esenzione fiscale.

Per ulteriori dettagli consulta la scheda “I destinatari e i contributi”

Al momento dell’iscrizione, nella compilazione della scheda di adesione, puoi optare per il versamento del solo TFR e/o dei contributi contrattuali di cui all’art. 7 co. 9-undecies della L. 125/2015 (soppressione ex Fondo Gas). In questo caso, non avrai diritto al contributo aziendale e a tutti i benefici fiscali conseguenti; tale opzione risulta pertanto poco raccomandabile.

Il contributo aderente e il contributo azienda vengono dedotti, entro il limite massimo di € 5.164,57, dall’imponibile fiscale direttamente attraverso la busta paga.

In aggiunta alle voci suddette, hai la facoltà di versare una quota volontaria il cui ammontare e frequenza sono molto flessibili.

In caso tu abbia contribuito al Fondo per un importo superiore a € 5.164, 37 (in un anno), comunica al Fondo l’importo in eccesso attraverso l’apposita sezione relativa ai contributi non dedotti, disponibile nella tua area riservata. In tal modo, tali somme riceveranno, al momento della liquidazione, il trattamento fiscale più favorevole.